SERVIZI ON LINE

CONSIP

Presenze on line

Portale Aziende

Banner PEC

INFORMAZIONE

Informatore  Ascom

GRANDA LAVORO

BRAINTV



 

Consumi e ricavi in crescita per le imprese culturali e creative



Secondo l'Indagine "La cultura che crea valore" realizzata da Confcommercio-Imprese per l'Italia e Agis, in collaborazione con Format Research, migliorano sia l'andamento economico che i ricavi delle imprese. Positivo il trend dei consumi culturali con in testa le aree metropolitane di Milano, Roma e Bologna.

Dopo alcuni anni di difficoltà, cresce il clima di fiducia delle imprese culturali e creative: migliorano sia l'andamento economico (per il 17,7% nel 2016-17 e per il 32% nel 2018-19) che i ricavi (per il 14% nel 2016-17 e per il 18,1% nel 2018-19). E' quanto emerge dall'indagine "La cultura che crea valore" realizzata da Confcommercio-Imprese per l'Italia e Agis, in collaborazione con Format Research, sul sentiment delle imprese culturali e creative e sui consumi culturali degli italiani. Presentata a Roma nell'ambito del convegno "La ‘cultura' della crescita". Dall'indagine emerge la tenuta dell'occupazione nel settore anche per il prossimo biennio (per l'88% delle imprese) e la ripresa della capacità di fare fronte al fabbisogno finanziario (per il 10,7% nel 2016-17 e per il 13,4% nel 2018-2019). Tuttavia, tre imprese su quattro lamentano che il costo della burocrazia e le politiche pubbliche inadeguate rappresentano i principali fattori di ostacolo alla crescita del settore, mentre oltre l'80% è d'accordo sulla coesistenza tra l'offerta culturale pubblica e privata e oltre il 95% sull'idea di un palinsesto di eventi condiviso. Secondo l'86,1% delle imprese, poi, è importante che ci sia una maggiore interconnessione tra promozione turistica e attività culturali. Positivo il trend dei consumi culturali con in testa le aree metropolitane di Milano, Roma e Bologna. Resta che per oltre il 90% degli italiani una migliore accessibilità, una migliore comunicazione e formule di pagamento più efficienti renderebbero più fruibile l'offerta culturale sia pubblica che privata. Ad essere apprezzata è soprattutto la varietà di spettacoli (per il 78,9%), seguita dal numero e dalla qualità delle attività culturali e commerciali connesse a cinema e teatri (74,7%) e dalle novità introdotte nei palinsesti (70,8%). Per oltre tre italiani su cinque, infine, le strutture culturali pubbliche e private dovrebbero essere sostenute allo stesso modo dallo Stato.






Per iscriverti alla nostra newsletter è sufficiente inserire la tua email nel campo sottostante.



Iscrivimi!




 

FORMAZIONE A DISTANZA | FAD

FAD

FORMAZIONE

FINANZIAMENTI

CONSORZI

CONSORZIO ZIZZOLA

CONSORZIO SALSICCIA

CONSORZIO PANE DI BRA

Banner Confcommercio Card


 

Soggetto Attuatore del Programma MIP - Mettersi in Proprio, iniziativa della Regione Piemonte co-finanziata con POR FSE Piemonte 2014-2020

 
Ascom Bra